Solbakken, dal no secco al Napoli al trasferimento in Giappone

0
Fonte: Wikimedia Commons

Lo scorso anno il Napoli è stato vicino alla chiusura del colpo Ola solbakken, l’attaccante classe ’98 che si è fatto notare in Conference League e che ha attirato l’attenzione delle big italiane.

Si trattava di un’operazione molto allettante per i maggiori club italiani che hanno avuto l’opportunità di tesserare l’ex Bodo Glimt a costo 0. A spuntarla, però, è stata la Roma con la firma di un contratto valido fino al 2027.

Il contratto quadriennale, tuttavia, non ha assicurato al norvegese, che aveva declinato la proposta del Napoli, un posto in Serie A perché la dirigenza giallorossa ha scelto di non puntare su di lui e di cederlo a titolo temporaneo all’Olympiakos.

Terminata in anticipo l’esperienza in Grecia, l’esterno norvegese è rientrato momentaneamente in Italia per ripartire alla volta del Giappone con l’annuncio a titolo temporaneo della cessione all’Urawa Reds da parte della dirigenza romana.

Il calciatore che piaceva tanto all’ex ds azzurro Cristiano Giuntoli, quindi, si è rivelato un vero e proprio flop ritrovandosi a giocare in un club giapponese dopo aver avuto l’opportunità di ricoprire un ruolo importante in casa Napoli, e non solo.