Icardi e l’effetto domino sulle punte di mezza serie A

0
Icardi, Dybala scambio
Mauro Icardi e Paulo Dybala al centro di voci di marcato. Foto Archivio Wiki Commons

In principio fu Icardi. Le difficoltà sul prolungamento del contratto e la revoca dello status di capitano della squadra hanno indotto l’argentino a riconsiderare il proprio futuro in nerazzurro. L’Inter, senza la sua punta, ha fatto quadrato sulla squadra lanciando il giovane Lautaro Martinez e finora i risultati sono stati più che positivi. Solo nelle ultime ore abbiamo appreso di alcuni tentativi di riduzione della frattura fra le parti, ma le voci che considerano Maurito sul mercato sono ancora molto insistenti.

Le cose non vanno meglio in casa Juventus. Dybala è sempre più ai margini del progetto di Allegri che, nonostante le cristalline doti tecniche, gli continua a preferire Bernardeschi per dinamismo e gioco di squadra. Allo scarso impiego sembra essersi rassegnato anche il funambolico Douglas Costa, lontano dal campo di gioco ormai da mesi. La società valuterà la situazione a breve e dovrà decidere se continuare a dar fiducia al mister oppure cambiare gestione tecnica reintegrando i due.

Ritorna, quindi, di moda la voce secondo cui gli argentini di Inter e Juve potrebbero trovarsi in mezzo ad uno scambio di casacca imminente. La Juve potrebbe garantire l’ingaggio tanto agognato da Icardi ed entourage, mentre l’Inter si ritroverebbe in squadra un giocatore tutto estro e tecnica da affiancare a El Toro.

Se Milano piange, Roma non ride. Incassato il sì per il prolungamento di El Shaarawy, la dirigenza giallorossa dovrà presto far fronte alla situazione legata al gigante bosniaco Edin Dzeko. Il contratto a scadenza giugno 2020 non permette passi falsi. Gli uomini di mercato dovranno capire se puntare su di lui anche per il prossimo anno ( e magari offrirgli un rinnovo) oppure cercare di far cassa subito per non perderlo a zero l’anno prossimo.

Tante manovre di mercato vedono al centro del loro operato il giovane Chiesa. La Fiorentina è ben conscia del valore del suo giocatore e ha intenzione di trattenerlo ancora in Toscana per almeno un altro anno. Le sirene italiane ed estere sembrano allettare il figlio d’arte che nelle ultime ore ha visto diventare più fitti i colloqui con la dirigenza milanista. Se il passaggio in rossonero si concretizzerà allora sarà certa la partenza di Cutrone.