Italia regge un tempo, Inghilterra dilaga per 9-40

0

I sogni di un trionfo azzurro vengono subito spenti all’inizio del secondo tempo. Italia che entra negli spogliatoi, durante l’intervallo, distaccata di soli 2 punti, sul 9 a 11. Questa nazionale che, dopo la partita in trasferta allo Stade de France, avrebbe potuto regalare la prima vittoria a tutti i suoi tifosi, contro la formazione inglese schianta di colpo nella seconda metà di partita.

Nulla si può fare contro il frizzante gioco inglese, che nell’intervallo sembra aver trovato il modo d’ingranare quella marcia in più che tutti si sarebbero aspettati dall’inizio. Mete di pregevole fattura da parte degli inglesi. Le squadre, all’inizio della partita, per i primi 15 minuti si studiano. Inghilterra che segna solamente una meta in bandierina con George Ford e qualche punizione con il piede di Owen Farrell. L’italia, però, sembra prendere fiducia con i calci dalla piazzola di Carlo Canna e le ottime percussioni di Michele Campagnaro, quella confidenza con il gioco che aumenta grazie ai tanti palloni riconquistati dagli azzurri.

Poi, dopo il 50esimo, il buio. Fasi di gioco rotto che favoriscono l’esplosività delle gambe inglesi. Dopo la prima meta di Joseph, è tutto un dilagare di maglie bianche con la rosa cucita sul petto. Risultalto indegno, che vede la vittoria della formazione oltre-manica per 40 a 9.

“Sono deluso, prendere 40 punti così fa molto male” commenta Parisse di fronte alle telecamere di Dmax. “Come squadra abbiamo perso, e bisogna imparare da queste sconfitte.”

Complici, forse, i tanti infortuni nella prima metà della partita, con l’uscita dal campo di Fuser, Garcia e Zanni. Ora, dopo la settimana di riposo, l’Italia ripartirà dalla sfida con la Scozia in casa, allo stadio Olimpico.

FOTO:Ansa/Claudio Peri