Il decreto Rilancio raddoppia il bonus baby sitter, 1200 euro anche per centri estivi

0
pensioni

Importanti novità sembrano essere contenute nel testo del DPCM “Rilancio” che ufficialmente verrà reso noto con la prossima Gazzetta Ufficiale. La più importante, anche a livello economico, sembra quella inerente all’erogazione del bonus a sostegno dell’infanzia che verrà interamente raddoppiato a sentire i primi leak sul documento.

Non più 600 euro ma ben 1200 da destinare alle famiglie con minori in età inferiore a 12 anni per usufruire si servizi quali baby sitter e centri estivi. Un aiuto non da poco che sicuramente tenderà una mano soprattutto a genitori impegnati nella lenta ma progressiva riaperture delle attività commerciali.

Il bonus verrà erogato dall’apposito sportello INPS che però contestualmente annuncia che “la misura non sarà estesa agli aventi diritto di bonus per asili nido”, in netta controtendenza rispetto al precedente decreto detto “Cura Italia“. Click qui per leggere la nota dell’INPS.

Per richiedere il bonus bisognerà accedere al servizio dell’INPS “Libretto Famiglia”. Una volta ottenuto l’accesso sul sito ( con SPID, CNS o Pin) bisognerà entrare nella specifica area e lì seguire le istruzioni per compilare la domanda. Una volta compilata la domanda, questa verrà esaminata e in qualche giorno dall’istituto dovrebbe arrivare conferma o meno dell’inserimento del nucleo familiare nel novero di quelli aventi diritto.  Qualora non si fosse ancora in possesso delle credenziali allora ci si potrà rivolgere ad un patronato o il Call center dell’INPS  telefonando al numero gratuito 803164 da rete fissa oppure al numero 06 164164 da rete mobile.

Altra fondamentale misura sarà il passaggio dagli attuali 1000 euro a ben 2000 da erogare in busta paga ai dipendenti del comparto sanitario. Medici, infermieri, OSS e tecnici , da sempre in prima linea contro il contagio da coronavirus vedranno ricompensati i propri sacrifici con un generoso  bonus, così come anche i dipendenti del comparto difesa e sicurezza pubblica.