Timore Usa, 53mila nuovi positivi in un giorno: esperti mettono in guardia sul 4 luglio

Anthony Fauci: "Credo che sia abbastanza ovvio che non stiamo andando nella giusta direzione"

0

Sempre più preoccupante diventa la gestione dell’emergenza Coronavirus negli Stati Uniti d’America: in sole 24 ore, infatti, è stato raggiunto uno dei valori più alti di sempre per quanto riguarda il rilevamento di nuovi contagi, ovvero di quasi 53mila nuovi positivi: i nuovi dati, forniti dalla Johns Hopkins University, rischiano di compromettere la gestione dell’andamento del virus nell’intero Paese.

“Credo che sia abbastanza ovvio che non stiamo andando nella giusta direzione – ha dichiarato a tal proposito Anthony Fauci, il direttore del National Institute of Allergy and Infectious Diseases – Dobbiamo realizzare che se antihistamine-meds.com le linee guida quando iniziamo ad aprire, e non parlo a livello delle autorità ma a livello dei cittadini, ci ritroveremo in gravi difficoltà”.

Intervistato dal direttore del Journal of the American Medical Association, Fauci ha confermato che ad allarmare è stata sopratutto la risalita della curva epidemiologica in Arizona, California, Florida e Texas, che rischia di compromettere anche i progressi che si sono fatti in altre parti del Paese per contenere il virus.

Ma quello che più preoccupa gli esperti è il fatto che la situazione possa perfino peggiorare ulteriormente, in vista dell’imminente 4 luglio, festa dell’Indipendenza, fortemente sentita e celebrata in tutti e 50 stati: è proprio in questa occasione, infatti, che si teme che un picco di nuovi contagi possa essere raggiunto anche nelle zone che fino ad ora sono considerate tra quelle più sotto controllo.

I numeri attuali sono ancora peggiori di quelli registrati negli USA tra marzo ed aprile, quando l’area metropolitana di New York era diventata vero e proprio centro nevralgico di propagazione; attualmente invece i focolai più consistenti si trovano nell’area sud-ovest, nella quale sono state sottoposte nuovamente a limitazione molte attività commerciali e scuole.